Corso di Laurea in Ostetricia

 

SBOCCHI OCCUPAZIONALI

 

I laureati potranno trovare uno sbocco occupazionale presso le strutture sanitarie del S.S.N. pubbliche,private o accreditate, nel territorio, nell’asssitenza domicialiare in regime di dipendenza o libero-professionale.

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI


I laureati nella professione sanitaria ostetrica devono raggiungere le competenze previste dallo specifico profilo professionale. In particolare, per: Assistere e consigliare la donna nel periodo della gravidanza, durante il parto e nel puerperio; Condurre e portare a termine parti eutocici con propria responsabilità e prestare assistenza al neonato; Partecipare ad interventi di educazione sanitaria e sessuale sia nell’ambito della famiglia che nella comunità; Partecipare alla preparazione psico-profilattica al parto; Partecipare alla preparazione e all’assistenza ad interventi ginecologici; Partecipare alla prevenzione e all’accertamento dei tumori della sfera genitale femminile. Partecipare ai programmi di assistenza della madre e del neonato; Partecipare ad interventi di educazione sanitaria e sessuale sia nell’ambito della famiglia che nella comunità; Gestire, come membri dell’equipe sanitaria, nel rispetto dell’etica professionale, intervento assistenziale di propria competenza; Contribuire alla formazione del personale di supporto e concorrere direttamente all’aggiornamento relativo al proprio profilo professionale e alla ricerca; Individuare situazioni potenzialmente patologiche che richiedono intervento medico e praticare, ove occorra, le relative misure di particolare emergenza; Svolgere la loro attività in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale Il percorso formativo nel triennio darà ai laureati “Ostetriche/i” un’adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro sia la migliore comprensione dei più rilevanti elementi, relativi al genere, che sono alla base dei processi fisiologici e patologici ai quali è rivolto il loro intervento, preventivo e terapeutico, sia la massima integrazione con le altre professioni. Il raggiungimento delle competenze professionali si attuerà e si completerà anche attraverso l’attività formativa pratica e di tirocinio clinico, coordinata da un docente appartenente al più elevato livello formativo previsto per il profilo professionale e corrispondente alle norme definite a livello europeo; tale formazione pratica nei tre anni di corso, avrà particolare rilievo, e sarà parte integrante e qualificante della formazione professionale. Le competenze sia culturali sia comportamentali conseguite nel contesto formativo dello specifico profilo, garantiranno, al termine del percorso formativo, la piena padronanza dello skill raggiunto e la immediata spendibilità nell’ambiente di lavoro. La lingua dell’Unione Europea, oltre l’italiano, sarà indispensabile sia nell’ambito specifico di competenza che per lo scambio d’informazioni generali

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.